RICHARD KUKLINSKI – L’UOMO DI GHIACCIO

Nel 1935 a New York, nasce Richard Kuklinski da una famiglia di immigrati polacchi. Il padre è a dir poco violento con tutti, tanto da uccidere di botte il primogenito Florian, cosa che prosciugherà definitivamente l’empatia di Richard. Poté sfogare la sua rabbia solo contro animali di ogni genere prima di capire la sua vera vocazione. L’omicidio.

La sua prima vittima fu un ragazzino di nome Charlie Laine che viveva nel suo stesso quartiere. Lo prendeva spesso in giro chiamandolo polacco di merda, cosa che gli procurò una morte orribile: a suon di bastonate. Fu la prima vittima di Richard e aveva solo 16 anni.

Richard Kuklinski - Serial Killer e sicario della mafia

Vuoi aiutarci a crescere? Con Patreon puoi sostenere in maniera facile e sicura il nostro progetto diventando parte attiva di Pupazzi da Legare. Potrai partecipare alla creazione di tantissimo Blackhumor e aiutarci a produrre contenuti sempre nuovi!  

Nel 1948 abbandonò la famiglia per intraprendere l’intrigante carriera da scassinatore di negozi. Ma la sua passione era la caccia ed è durante una delle sue battute che trova un posto speciale, un luogo dove in futuro tornerà spesso a riprendere i suoi omicidi con una telecamera per conto della mafia: una caverna con dentro una colonia di ratti giganti. Il resto del tempo vende le cassette porno e uccide qualche barbone, tanto per restare allenato. 

A 26 anni aveva ucciso già 65 persone. In seguito cominciò una lunga collaborazione con la mafia, il che gli procurò una bella entrata e anche viaggi all’estero per uccidere le sue vittime. Aveva addirittura sviluppato un veleno a base di cianuro talmente efficace da uccidere le persone in cinque secondi. 

Venne arrestato dopo un lungo lavoro da parte della polizia nel 1977. Da quel momento in poi passò il resto della sua vita in carcere.

Vuoi aiutarci a crescere? Con Patreon puoi sostenere in maniera facile e sicura il nostro progetto diventando parte attiva di Pupazzi da Legare. Potrai partecipare alla creazione di tantissimo Blackhumor e aiutarci a produrre contenuti sempre nuovi!  

Leggi anche…

Sharing is caring!